• +39 329 26 75 293
  • info@mianonnanonlocapisce.com

Guida al Dropshipping: quello che non ti dicono 2/3

Ancor prima di sapere perchè può essere conveniente iniziare tale attività, per me è indispensabile spiegare in questa guida al dropshipping il perché sarebbe meglio non cominciare affatto

guida dropshipping

Guida al Dropshipping: quello che non ti dicono 2/3

Vincenzo Calicchio No Comment


Dopo aver iniziato a parlarne nel primo articolo di questa Mega guida al dropshipping in tre parti, andiamo ora ad approfondire l’argomento. Questo post sarà utile a tutti coloro che intendono conoscere a 360° come funziona questa nuova (apparentemente miracolosa) maniera di fare e-commerce. Quindi ancor prima di sapere il motivo per cui sarebbe conveniente iniziare questo business ritengo fondamentale spiegare in questa guida al dropshipping il perché non dover cominciare affatto.

Perché è meglio non iniziare a fare dropshipping

  • A volte il fornitore offre lo stesso catalogo, gli stessi prezzi e le stesse spese di invio a dozzine, centinaia o migliaia di venditore proprio come Te.
  • Non riuscirai mai ad avere prezzi competitivi in quanto gli ordini che gestirai saranno per la maggioranza ordini individuali, e non ci sarà concorrenza con tutti coloro che comprano in stock.
  • Incontrerai i tuoi concorrenti nei tuoi stessi canali di vendita, quindi eBay, Amazon ecc…
  • Essere in questi marketplace anche ha un costo infatti tutti lavorano guadagnando sulle fee, qui ci sono le fee di eBay e qui le fee di Amazon.
  • Non sempre è buono aver fiducia totale nei confronti di tali marketplace, infatti puoi finire per competere con Amazon proprio in Amazon come spiega bene questo articolo del Wall Street Journal.
  • I tuoi margini di guadagno saranno sempre i più bassi in quanto sarai sempre l’ultimo anello della catena, e la concorrenza accanita fa si che dovrai sempre più abbassare i prezzi.
  • Non hai alcun potere per quanto riguarda la consegna dei prodotti, sia per la consegna in se ma anche per la qualità dei prodotti ed in caso di problemi sarai tu a metter la faccia nei confronti del cliente, no il fornitore.
  • Inoltre regalerai al tuo fornitore per ogni ordine tutti i dati e le referenze dei clienti, parlo quindi di nome, cognome, telefono, mail ecc…
  • Non sei nessuno nel web (e fuori) e tanto meno puoi farti un nome in quanto i prodotti non sono i tuoi.
  • E’ veramente difficile incontrare fornitore che assicurano un servizio ottimale anche nei tuoi confronti, quindi non solo nei confronti del cliente.
  • Le maggiori difficoltà le avrai nel momento e nel caso in cui ci sono dei resi (vedi in caso di merce con danni ecc…), la gestione di questi ultimi infatti è uno dei fattori più problematici in quanto il cliente avrà a che fare con due soggetti con interessi diversi.
  • Tutto ciò che guadagnerai ti servirà unicamente per il tuo sostentamento e non avrai margini per comprare traffico e advertising.

5 domande da farsi prima di iniziare un attività di dropshipping

  1. Perché un fornitore dovrebbe darmi un prezzo basso quanto quelle di altre organizzazioni che invece comprano in stock?
  2. Cosa posso offrire in più rispetto alla mia concorrenza?
  3. Il mio margine di guadagno sarà sufficiente in rispetto ai costi?
  4. So come generare traffico verso il mio negozio online? Considerando ovviamente che i miei margini saranno troppo bassi per fare campagne di advertising.

Quello che ti aspettta facendo dropshipping (ma che nessuno ti dirà mai)

Sono sicuro che se stai leggendo questo articolo qualcuno ti avrà già consigliato o almeno parlato del dropshipping. Ed è molto probabile che questo qualcuno ti abbia detto frasi del tipo:

“Puoi fare e-commerce a costo zero…”

“Con il dropshipping lavorerai comodamente da casa tua”

“Dovrai solo gestire gli ordini e lavorare poche ore al giorno”

Questo tuo amico non ti ha detto tutto, infatti questo è ciò che ti aspetta:

  • Creazione di un negozio online personale e realizzazione di e-shop nei maggiori marketplace generici e verticali.
  • Gestione ed ottimizzazione dei catalogo online.
  • Gestione e supporto ai clienti.
  • Amministrazione, fatture, pagamenti ecc;
  • Gestione delle problematiche come prodotti difettosi, consegne errate ecc…
  • Gestione dei conti della tua impresa e relazione con un consulente, pagamenti di tasse, contributi,ragion per cui si..

La fiscalità del dropshipping è la stessa di quella di una impresa ordinaria

A meno che tu non voglia sfidare la sorte (e lo stato) e fare tutto a nero. Ma è illegale, quindi lo sconsiglio vivamente!

Conclusioni

Le attività di cui ti dovrai occupare facendo dropshipping sono tutte attività che hanno un costo sia in tempo che in denaro, e che occuperanno gran parte della tua giornata. Alle volte (ahinoi!) pensiamo che il nostro tempo non abbia un costo, o che addirittura non abbia valore..ma non è affatto così!

Ancora hai voglia di iniziare a vendere in dropshipping? Probabilmente no. Ma non disperare, nella terza parte di questa mega guida parlerò di Tutti quei casi in cui è conveniente fare dropshipping.

The following two tabs change content below.

Vincenzo Calicchio

Web Marketing Manager con forte interesse verso l'Inbound Marketing e il posizionamento SEO. Mi affascina il funzionamento di Google e farei di tutto per capirne a fondo l'algoritmo. Ad oggi ho lanciato progetti web tra l’Italia, la Spagna e gli Stati Uniti. Tra le maggiori collaborazioni ci sono quelle con The Singular Factory (Software house di Miami, USA), il Cabildo (Governo insulare) di Fuerteventura (Isole Canarie, Spagna) ed il Venture Incubator per il Mezzogiorno 56CUBE. Attualmente in Mia Nonna non lo capisce Web Agency contribuisco al Marketing strategico di attività commerciali e Startup.

Contattaci per una consulenza gratuita...o per un caffè!

Sei interessato ai nostri servizi? Vuoi parlarci di una tua idea? Siamo disponibili ad ascoltarti con piacere...